Assegnazione della casa coniugale: il parametro è la “stabile abitazione” per i figli